Obiettivi

Un tempo gli esperti nel settore dell’educazione erano responsabili della progettazione della programmazione curricolare, dei corsi e dei materiali didattici. Oggi, vista la ampia varietà di strategie per la costruzione di contenuti educativi, non necessariamente formalizzati, è necessario creare standard e linee guida per assicurare livelli di qualità finalizzati a limitare lo svantaggio socio-culturale, che possono facilmente capitare a causa di informazioni e contenuti non controllati o fuorvianti. Soprattutto i gruppi svantaggiati e marginalizzati nelle società europee possono risentire di informazioni non affidabili a causa dei molti ostacoli che quotidianamente si trovano ad affrontare.

Qui l’EU-StORe entra in azione.

A partire dalle raccomandazioni di Pawlowski e dell’UE, l’obiettivo è di sviluppare un archivio di risorse didattiche aperte in rete. Pertanto, gli esperti analizzeranno i materiali didattici e i corsi disponibili allo scopo di individuare standard per la conduzione e realizzazione di attività didattiche aperte che garantiscano un elevato livello di qualità.

Saranno quindi messe a punto delle linee guida e un set di standard che possano essere utilizzati

(a) per creare nuovi scenari di sviluppo per una educazione aperta e accessibile;

(b) per valutare le attività e le risorse didattiche aperte già disponibili.

Per integrare queste informazioni nell’ambito delle attività delle comunità di apprendimento presenti a livello europeo, gli standard saranno forniti su una piattaforma in rete nella quale sarà anche disponibile l’archivio di risorse educative. Queste sono le basi per promuovere la progettazione curricolare e l’opera di reti regionali. Le linee guida e gli standard saranno concordati con il supporto di documenti disponibili sulle politiche educative, coinvolgendo i Ministeri, la Commissione Europea attraverso eventi moltiplicatori sull’educazione aperta realizzati in diversi paesi europei durante il processo di attuazione degli standard.